Il nuovo sito dell’Associazione Ceto Medio è online!

Da settembre 2019 l’Associazione ha un nuovo sito. Lo abbiamo fatto per condividere con voi maggiori informazioni, per farci conoscere, e perché no? Anche perché aggiornarsi e migliorarsi è sempre una cosa buona.

Useremo questo strumento per condividere le ultime novità normative, le novità che riguardano l’associazione, scadenze importanti o tutto quello che pensiamo sia rilevante per i nostri soci e per il loro business.

Per chi ci conosce rimaniamo sempre gli stessi, ma da ora in avanti avremo un punto di riferimento in più.

Le nuove scadenze di febbraio 2020

Febbraio quest’anno avrà 29 giorni, ma non per questo ci saranno cambiamenti sul calendario fiscale. Di seguito elenchiamo alcune scadenze che possono interessarvi ma vi invitiamo comunque a controllare sempre anche lo scadenzario ufficiale fornito dall’Agenzia delle Entrate. I tempi previsti possono infatti subire modifiche e proroghe.

Dal primo febbraio è possibile trasmettere la Dichiarazione IVA relativa al 2019, in forma autonoma. La trasmissione avviene per via telematica e la scadenza ultima è fissata per martedì 30 aprile 2020. Per legge, sono obbligati a presentare questa fondamentale dichiarazione annuale tutti i contribuenti con attività d’impresa, artistiche o professionali che siano titolari di partita IVA


10 febbraio – Imposta di bollo: versamento dell’imposta di bollo dovuta per quanto riguarda gli assegni circolari rilasciati in forma libera in circolazione entro la fine del quarto trimestre 2019, tramite modello F23


17 febbraio – IVA \ registrazione corrispettivi per: associazioni senza scopo di lucro con regime agevolato, commercianti al minuto e della grande distribuzione che hanno aderito all’invio telematico dei corrispettivi
17 febbraio – IVA \ versamento Iva trimestrale per le associazioni sportive dilettantistiche e assimilate. IL versamento è riferito al quarto trimestre 2019
17 febbraio – Rivalutazione TFR versamento saldo imposta sostitutiva: i datori di lavoro sono tenuti al calcolo e al versamento del saldo dell’imposta sostitutiva sui redditi derivanti dalle rivalutazioni del trattamento di fine rapporto, versata dal sostituto d’imposta, tramite modello F24. Il codice tributo da utilizzare per il saldo è 1713.
17 febbraio – INPS \ contributi IVS: versamento contributi minimi obbligatori per artigiani e commercianti
25 febbraio – Versamento contributi per i datori di lavoro agricoli: denuncia delle retribuzioni corrisposte nel mese precedente e versamento dei contributi previdenziali per gli impiegati
28 febbraio – Domanda riduzione INPS per lavoratori in regime forfettario: entro questa data i detentori di partita IVA che operano in regime forfettario possono comunicare la volontà di passare al regime di riduzione dei contributi INPS 2020. Per questo, non serve presentare una domanda ogni anno, ed è attuabile grazie a delle normative del 2016. Per informazioni contattateci.

Detrazioni fiscali 2020, no ai contanti.

Con la nuova legge di bilancio 2020 cambiano le regole previste per il recupero delle spese detraibili dall’Irpef.

Per poterle detrarre sarà obbligatorio pagare mediante carte di credito/debito, bancomat, bonifico bancario, bonifico postale o assegni. Non sarà più possibile decurtarle se sono state effettuate con i contanti.

Qui di seguito una lista delle spese detraibili coinvolte in questa nuova norma e con l’obbligo di pagamento tracciabile:

– Spese mediche e veterinarie
– Interessi passivi mutui prima casa
– Intermediazioni immobiliari per abitazione principale
– Spese funebri
– Frequenza scuole e università
– Assicurazioni rischio morte
– Erogazioni liberali 
– Iscrizione ragazzi ad associazioni sportive, palestre, piscine ed altre strutture ed impianti sportivi 
– Affitti studenti universitari
– Canoni relativi all’abitazione principale 
– Le spese per gli addetti all’assistenza personale nei casi di non autosufficienza 
– Abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale

Ci sono anche spese che non prevedono nessun obbligo:
– L’acquisto di medicinali e di dispositivi medici
– Prestazioni sanitarie rese dalle strutture pubbliche o da strutture private accreditate al Servizio sanitario nazionale.

Per qualsiasi informazione al riguardo, non esitare a contattarci.